• (+39) 375 5138757
  • info@leadleaders.it
CONTATTACI
Menu | lead leaders
CONTATTACI
toggle menu
seo on page e off page differenze

Differenze tra SEO on page e off page

SEO on page e off page: le due facce dell’attività SEO

SEO on page e  off page. Sono le due facce dell’attività SEO. Si tratta di attività separate ma non separabili. Ci spieghiamo meglio. Sebbene si realizzino in maniera differente, entrambe sono necessarie ai fini di un buon posizionamento sui motori di ricerca. Andremo, ora, a spiegare nel dettaglio le differenze tra queste due tipologie di attività.

SEO on page

La SEO on page si riferisce alle operazioni di ottimizzazione che avvengono all’interno di un sito. Da questo punto di vista si potrebbe fare un ulteriore distinguo tra le attività che consentono di intervenire sul codice HTML, dunque sulla parte strutturale del sito, e attività che, invece, riguardano la parte testuale e grafica, quindi testo e immagini. Per intenderci, quest’ultima è la parte direttamente visibile all’utente, contrariamente alla prima che, invece, è ad appannaggio del webmaster.

Questi sono i fattori principali delle attività SEO on page ma c’è chi accenna anche ad altri elementi, ugualmente importanti. Ad esempio, un sito con un hosting veloce ed efficace potrebbe, se accompagnato agli altri fattori di posizionamento, aiutare ad ottenere risultati di qualità. Lo stesso dicasi per la tipologia di dominio oppure per i comportamenti tenuti dagli utenti sul sito. Insomma, utenti che interagiscono bene col sito, visualizzando pagine e contenuti oppure compiendo altre azioni, potrebbero incidere positivamente su un buon posizionamento.

In ogni caso, è bene concentrarsi principalmente su contenuti/immagini del sito e sulla sua struttura, lato HTML.

SEO off page

La SEO off page concerne le attività che non vengono svolte sul sito web. Trattasi di attività esterne che, però, se svolte nel migliore dei modi, consentono di ottenere risultati veramente importanti sulle pagine dei browser di ricerca. In buona sostanza, la SEO off page riguarda la gestione dei link in ingresso, ovvero link che provengono da altri siti e riportano sul tuo sito web.

Del resto, i collegamenti ipertestuali sono il cuore pulsante del web, una delle principali caratteristiche di Internet. Ricevere un link da un sito significa ottenere una sorta di giudizio. Se si decide di linkare un sito è perché, secondo i browser di ricerca, il sito che riceve il link dispone di contenuti di qualità, utili all’utente per approfondire la tematica trattata dal sito principale, quello da cui è partito il collegamento ipertestuale. In estrema sintesi, un link è una citazione.

Tutto ciò significa che per i motori di ricerca, Google su tutti, uno dei fattori principali di rankink ha a che fare proprio con i link. Attenzione, però. Google cerca di effettuare un’analisi non solo quantitativa ma soprattutto qualitativa. Avere tanti link non assicura un buon posizionamento. Bisogna guardare alla fonte da cui proviene il link. Se è un sito autorevole e di qualità allora il link può essere veramente utile. Se non lo è si rischiano di ottenere risultati addirittura controproducenti. Non è escluso, in tal caso, che il posizionamento del sito possa anche peggiorare.

PageRank

In termini tecnici, si parla di PageRank. Tramite il PageRank Google assegna un punteggio a tutte le pagine web, punteggio che varia da 0 a 10. Attraverso questo strumento Google valuta la qualità sia della pagina web che del link. Se la pagina da cui proviene il link ha un PageRank alto allora quel collegamento ipertestuale potrebbe impattare più che positivamente sula tua ottimizzazione. Ovvio che Google attenzione anche la pertinenza del link. Non basta, infatti, il PageRank. Un link deve essere contestuale, deve rimandare ad un contenuto simile a quello trattato nella pagina web della fonte.

L’attività di gestione dei link non è molto semplice perché, essendo un fattore esterno al sito, non è facilmente controllabile. Tutti si augurano di ottenere link spontanei e di qualità ma questo non sempre avviene. Per ovviare a ciò è necessario attuare una strategia di link building. Puoi, dunque, contribuire tu stesso a costruire link di qualità che rimandano al tuo sito. E’ un’attività che presenta diversi rischi, se svolta in modo scorretto, ma non mancano le opportunità di successo, a patto ovviamente che la link building venga fatta in maniera leale. Del resto, se Google si accorge che hai provato a barare ti punirà severamente!

Il video consigliato (SEO on page e off page)

 

 

Questo articolo “Differenze tra SEO on page e off page” si rivolge a chi ha almeno un minimo di familiarità con il/la SEO.

In caso contrario, ti consiglio di leggere il nostro articolo sui principi base SEO.

ELEVA IL TUO BUSINESS!

Per te, GRATIS, un servizio di consulenza sul tuo sito web.












CONTATTACI